Giornata mondiale per i diritti umani

Comunicato stampa API in occasione della Giornata mondiale dei diritti umani istituita dall’Assemblea generale dell’ONU il 10/12/1948.

 

In occasione della Giornata mondiale ONU dei diritti umani, l’API ricorda che da oltre 70 anni in Palestina sono violati tutti i diritti umani e civili: diritto alla terra, alla casa, al ritorno, alla vita, alla libertà, all’infanzia, alla gioventù, alla vecchiaia, alla famiglia, al lavoro, alla salute, all’istruzione, al matrimonio, ai culti religiosi, alla cultura, alla storia, al passato, alla sepoltura… L’occupante israeliano viola i diritti di tutte le fasce d’età, categorie, gruppi umani, ecc. Non solo è violato il diritto alla vita, ma anche quello della degna morte, alla sepoltura, mantenendo in congelatori, per anni, le salme delle proprie vittime.

L’occupante viola il diritto dei bambini e degli adolescenti a una vita serena, alla studio, alla famiglia, agli affetti, rinchiudendoli già in tenera età in carcere, torturandoli e rendendoli spesso disabili psico-fisici.

Viola il diritto palestinese alla Storia, Cultura e Fede, ai luoghi religiosi e archeologici, addirittura alle tradizioni gastronomiche.

 

La Giornata mondiale dei diritti umani è una celebrazione sovranazionale che si tiene in tutto il mondo il 10 dicembre di tutti gli anni. La data è stata scelta per ricordare la proclamazione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite della Dichiarazione universale dei diritti umani, il 10 dicembre 1948.

L’elenco dei 30 diritti umani.

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani si compone di 30 articoli e un preambolo, nel quale gli stati membri dell’ONU considerano la necessità di conferire forma giuridica sovranazionale ai principi fondamentali dei diritti dell’uomo. In tal maniera l’Istituzione si fa garante della loro applicazione e diffusione nel mondo.

In occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani andiamo a vedere quali sono i punti fondamentali contenuti nei 30 articoli.

I 30 diritti negati e calpestati ormai dal 1948 fino ai giorni nostri: in Palestina stanno pagando un prezzo a causa dell’occupazione israeliana. Sono negati i 30 articoli per cui è stata istituita la Giornata mondiale, tra questi il diritto del fanciullo, del disabile, dell’orfano, del malato, della natura, della storia, dell’archeologia, del prigioniero, allo studio, al lavoro, all’espressione, ecc.

I diritti vanno rispettati. L’articolo 1 proclama la libertà e l’uguaglianza dei diritti per tutti gli esseri umani e il loro impegno nella fratellanza.

L’articolo 2 enuncia l’universalità dei principi enunciati nella dichiarazione e l’indirizzamento verso la popolazione dell’intero pianeta.

L’articolo 3 annuncia il diritto alla vita, alla libertà personale e alla sicurezza.

L’articolo 4 condanna e proibisce lo stato di schiavitù.

L’articolo 5 ripudia la tortura come azione inumana e degradante.

L’articolo 6 riconosce la personalità giuridica e il diritto ad essa per ogni essere umano.

L’articolo 7 sottolinea l’uguaglianza di ognuno rispetto alla legge e il diritto alla tutela contro le azioni contrarie ai principi contenuti della Dichiarazione.

L’articolo 8 stabilisce il diritto a ricorrere a tribunali e tutela giuridica contro le violazioni dei diritti fondamentali.

L’articolo 9 tutela l’individuo contro arresto, detenzione ed esilio arbitrario e non giustificato.

L’articolo 10 proclama il diritto all’avere pubblica udienza e imparzialità e indipendenza del tribunale giudicante.

L’articolo 11, diviso in due commi, afferma la presunta innocenza per qualunque tipo di reato sino alla prova effettiva della colpevolezza da parte dell’imputato. La seconda sezione specifica che non è possibile applicare pene superiori o non previste per i tipi di reati contestati dall’accusa.

L’articolo 12 afferma il diritto alla privacy e l’illiceità di intromissioni arbitrarie nella vita intima e privata dell’individuo.

L’articolo 13 enuncia la libertà di movimento da parte dei cittadini all’interno dei loro stati e la facoltà inalienabile di lasciare il territorio di un Paese.

L’articolo 14 proclama il diritto alla richiesta d’asilo in qualunque paese a seguito di persecuzioni, ad eccezione di coloro che sono effettivamente ricercati per violazione dei principi enunciati dalla Dichiarazione.

L’articolo 15 difende il diritto alla cittadinanza per ogni essere umano e prescrive la possibilità che essa possa essere cancellata o ritirata.

L’articolo 16 è rivolto alla protezione della famiglia e della libertà di matrimonio e al suo eventuale scioglimento. Entrambi gli atti devono avvenire con il consenso di entrambi i coniugi.

L’articolo 17 proclama il diritto alla proprietà personale e alla difesa contro gli atti che ne privino gli individui in forma arbitraria.

L’articolo 18 difende la libertà di pensiero, coscienza e religione e tutela quella di libera manifestazione delle proprie idee e culti.

L’articolo 19 protegge la libertà d’espressione attraverso ogni mezzo di diffusione.

L’articolo 20 stabilisce la libertà di riunione e associazione tra pari a scopi pacifici e condanna la coercizione a partecipare a forme associative.

L’articolo 21 proclama i principi della democrazia, secondo i quali ognuno ha diritto a partecipare o assumere cariche nella vita politica del proprio paese, nonché ad avere la possibilità di esercitare funzioni pubbliche. Il fondamento di tale principio sta nella volontà popolare, espressa tramite regolari elezioni a voto segreto e libero.

L’articolo 22 promuove l’impegno degli stati a garantire la sicurezza sociale dell’individuo e l’accesso ai diritti economici e culturali che proteggano la libera espressione della personalità di ognuno.

L’articolo 23 tutela i lavoratori nella libera scelta d’impiego e nella lotta alla disoccupazione. Si affermano inoltre i principi di equità salariale e garanzia di remunerazione soddisfacente ai bisogni del lavoratore e di ricorso ad associazioni sindacali.

L’articolo 24 afferma il diritto inalienabile allo svago e al tempo libero per i lavoratori.

L’articolo 25 regola i principi del welfare, per i quali è impegno degli stati garantire sistemi di protezione di salute e benessere che siano estesi a chiunque, soprattutto in condizioni potenzialmente difficili come infanzia, maternità, povertà, vecchiaia, malattia e invalidità.

L’articolo 26 proclama l’universalità del diritto di accesso all’istruzione, nonché l’indirizzo di questa verso i principi di solidarietà, uguaglianza e tolleranza.

L’articolo 27 tutela la partecipazione e la possibilità per ogni essere umano di partecipare alla vita culturale, artistica e scientifica. Si proclama inoltre il diritto al copyright e al riconoscimento per le meritorie opere artistiche e scientifiche.

L’articolo 28 garantisce l’impegno delle istituzioni internazionali e sovranazionali in difesa dei principi della Dichiarazione.

L’articolo 29 richiama ai doveri dell’individuo verso la propria comunità e il suo impegno per il benessere della società a cui appartiene, di cui si fa garante l’Organizzazione delle Nazioni Unite.

L’articolo 30 inibisce gli stati membri dell’ONU dall’utilizzare atti legislativi volti a cancellare i principi fondamentali contenuti della Dichiarazione.

 

 

In occasione di questa importante Giornata mondiale, l’API denuncia tutte le continue e reiterate violazioni israeliane dei diritti umani e rivolge un accorato appello alla Comunità internazionale affinché ponga fine a tali politiche e pratiche disumane.

 

Roma, 10 Dicembre 2020

Associazione dei Palestinesi in Italia